search
top
Currently Browsing: Pace

“non per Carlo, ma in nome di Carlo”

sabato 6 novembre ore 18:00 Sala "Roveredo" Palazzo Toffoli Montereale Valcellina

Sabato 8 novembre, ore 18:00 presso la Sala “Roveredo” di Palazzo Toffoli 

Montereale Valcellina (PN)

inaugurazione della mostra “non per Carlo, ma in nome di Carlo” di Ottavio Sgubin

con la partecipazione straordinaria di Giuliano Giuliani

seguirà una pastasciuttata di solidarietà a sostegno del quotidiano “Il manifesto”

La Bolivia di Evo Morales

Circolo ARCI “Tina Merlin” di Montereale Valcellina
 
in collaborazione con:
 
Ass. Immigrati PN sezione di San Vito al Tagliamento
Ass. argentina “Vientos del Sur” - Udine
 
presentano: 
 
Venerdì 17 ottobre ore 21.00
 
 
HASTA SIEMPRE AMERICA LATINA
 
La Bolivia di Evo Morales
 
incontro con Teresa Fernandez e Lalo Truijllo
 
e proiezione del video “Bolivia para todos” di Emilio Curtoy D. (30 min. 2008)
 
Aderiscono all’iniziativa l’Ass. nazionale di amicizia Italia-Cuba Circolo “Gino Donè”  - Pordenone, Rifondazione Comunista e Giovani Comunisti PN.
 
INGRESSO LIBERO
 
L’iniziativa si terrà presso i locali del Circolo ARCI “Tina Merlin” in via Ciotti 11 - Montereale Valcellina (PN) - Tel 0427 799685  

9 ottobre 1963 – 9 ottobre 1967

Il giorno 9 ottobre 1963, una fetta del monte Toc cade sul bacino creato dalla nuova diga del Vajont ed un’onda spaventosa si abbatte sui paesi vicini causando la morte di circa duemila persone.

Servizio di "La storia siamo noi" del 6 maggio 1996

Lo stesso giorno, nel 1967, in Bolivia, dove si trovava per organizzare la Resistenza alla dittatura in uno dei paesi più poveri del continente, viene assassinato dall’esercito e dalla CIA il Comandante Ernesto “Che” Guevara.

El "Che" sull'imperialismo

Annullato il referendum a Vicenza

 

 

Dormiranno in parecchi sotto le finestre della Prefettura per difendere il diritto di una comunità a esprimersi sul destino del territorio. A Vicenza doveva tenersi domenica prossima, dopo due anni di mobilitazione ininterrotta, una consultazione popolare, un referendum, elementare esercizio di democrazia partecipata rispetto a una decisione calata dall’alto: una nuova, ennesima, base Usa, spacciata per ampliamento di quella che già occupa dal ‘51 un bel pezzo di territorio. Una colata di cemento sull’unico polmone verde dove scorre una falda acquifera fondamentale per la sete del Veneto. Una base di guerra a poche centinaia di metri, in linea d’aria dai capolavori palladiani.

Solidarietà a Evo Morales

Esprimiamo la piena solidarietà al Presidente dello Stato della Bolivia Evo Morales, che da mesi è sotto assedio dall’opposizione fascista e secessionista, che in questi giorni ha scatenato l’inferno nelle strade delle maggiori città boliviane con la conseguente morte di circa una decina di persone. Un attacco alla democrazia del paese, dove solo poche settimane fa si è svolto il referendum popolare che ha sancito con una forte maggioranza la conferma di Evo come presidente della Bolivia.

Emergenza democratica a Vicenza

Oggetto:
dichiarazione della Tavola della Pace
sulle violenze della polizia
contro i pacifisti a Vicenza

Perché con i manganelli? Perché con la violenza?

Perugia, 7 settembre 2008 - All’indomani della violenta carica della polizia contro i pacifisti di Vicenza, Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

La violenza con cui la polizia di Vicenza ha attaccato ieri una pacifica iniziativa del comitato di cittadini che si oppone alla costruzione della nuova base americana sul proprio territorio è un fatto gravissimo. Una grave violazione dei diritti umani e della democrazia.

Voglio esprimere tutta la mia personale solidarietà alle numerose persone ferite, alle loro famiglie e agli organizzatori della manifestazione.

Che bisogno c’era di attaccare a freddo una manifestazione che aveva ricevuto tutte le autorizzazioni e che non minacciava nessuno? Che bisogno c’era di usare la violenza, i manganelli, i calci, gli insulti?

Se questo è il modo con cui il questore di Vicenza (sarebbe utile sapere se si è trattato di una iniziativa personale o se corrisponde ad una precisa direttiva del governo italiano) ha deciso di affrontare le proteste dei cittadini che da tempo si oppongono con ogni mezzo pacifico alla costruzione della nuova base, la condanna di tutti i democratici non deve conoscere esitazioni.

Mi auguro che se ne discuta rapidamente in Parlamento, che venga faccia luce sui fatti e sulle responsabilità, che siano assunte tutte le misure necessarie a che fatti simili non debbano più ripetersi.

Il referendum con cui il prossimo 5 ottobre i vicentini saranno chiamati a dire la loro sulla base si deve svolgere in un clima sereno. Nessuno si può permettere di innalzare la tensione”.

 

Ecco il link per accedere al video che si trova su You Tube sugli scontri di sabato 6 settembre, dove la polizia ha caricato i manifestanti pacifisti: Scontri a Vicenza

Sabato 13 settembre ore 15:00 in piazza Matteotti vi aspettiamo per la grande manifestazione!

Festival No Dal Molin

Pagina 5 di 512345