search
top
Currently Browsing: Cultura

Cineforum antifascista itinerante

Il cinema per parlare di antifascismo, memoria,

revisionismo storico e neofascismo

 

 

Con la proiezione dei seguenti film:

 

Venerdì 13 febbraio ore 20.45

Presso la “Sala Menocchio” – Montereale Valcellina (PN):

“ Il leone del deserto” regia di Mustafa Akkad. USA-Libia 1981

 

Il film racconta le ultime fasi della resistenza libica, guida da Omar Mukhtar, il “Leone del deserto”, contro l’esercito di occupazione italiano. E’ la prima pellicola sulle brutalità del regime fascista nelle colonie. Le pressioni politiche hanno impedito la distribuzione di questo film in Italia: a tutt’oggi nessuna casa di distribuzione ha mai presentato la pellicola all’Ufficio apposito per ottenere il nulla osta alla circolazione.

 

Venerdì 27 febbraio ore 20.45

Presso la Casa del Popolo – Torre di Pordenone:

“The Gonars memorial. Gonars 1942-43: il simbolo della memoria italiana perduta” regia di Alessandra Kersevan e Stefano Raspa. Italia

 

Attraverso interviste inedite fatte ad ex internati e a testimoni dei fatti, il documentario traccia le drammatiche vicende che si consumarono tra il 1942 e il ‘43 a Gonars, in provincia di Udine, dove perirono di fame e stenti quasi 500 civili, per lo più anziani, donne e bambini di nazionalità slovena e croata. Ad intermezzare alcuni brevi ed altri più lunghi racconti, una voce narrante, immagini e filmati originali, per riscoprire la storia dell’occupazione fascista della Jugoslavia prima e la capitolazione dell’Italia poi, la descrizione del campo e della vita degli internati. Un percorso di ascolto, soprattutto, per ricordare una tragedia che s’è consumata a pochi chilometri da noi.

 

Venerdì 13 marzo ore 20.45

Presso l’ARCI CRAL di S. Vito al Tagliamento (PN):

“Nazirock” regia di Claudio Lazzaro. Italia

L’estrema destra vista dall’interno: la sua musica, i capi, le alleanze, i rituali,
lo sdoganamento politico che sta aprendo ai nazifascisti italiani le porte del potere istituzionale
.

 

“Comitato per il 25 aprile”

Foibe revisionismo di Stato e amnesie della Repubblica

Foibe revisionismo di Stato e amnesie della Repubblica

Atti del convegno: Foibe: la verità.

Contro il revisionismo storico.

 

Venerdì 06 febbraio ore 20.45

Presso la Casa del Popolo di Torre (PN)

in via Carnaro 10

 

 

Con:

Claudia Cernigoi – giornalista

Sandi Volk – storico della Sezione storia della Biblioteca nazionale slovena e degli Studi di Trieste

 

Moderatore:

Massimo Pin – A.N.P.I. nazionale

 

La storia viene usata per l’oggi, per le esigenze politiche attuali. Si tratta di una campagna di intossicazione delle coscienze con riscritture, reinterpretazioni e falsità belle e buone, funzionali, da una parte, alla mobilitazione nazionalista, alla diffusione di stereotipi sciovinisti e razzisti, assunti ormai anche da buona parte del ceto politico di sinistra; dall’altra, alla criminalizzazione di chi oggi non si piega alle compatibilità del sistema capitalista. Tale campagna si concretizza anche nella legittimazione dei fascisti odierni, che diventano portatori di una ideologia come altre. Una ideologia dell’ordine, della sicurezza, autoritaria, fatta propria da buona parte del ceto politico autodefinitosi democratico. In questi anni molti si sono resi conto del significato della Giornata del Ricordo e molte sono state le iniziative per combattere questa campagna di intossicazione. E’, però, necessario combattere con maggiore efficacia, unendo le forze e le conoscenze. Questo convegno vuole essere un contributo in tal senso, non solo per rintuzzare e sbugiardare le menzogne che vengono propagandate, ma anche per fare un passo avanti per riappropriarci, nella sua interezza, della nostra storia.

 

 

 

 

Aderiscono all’iniziativa: Casa del Popolo di Torre, Circolo ARCI ”Tina Merlin” – Montereale Valcellina, Ass. naz. di amicizia Italia-Cuba Circolo “Gino Donè” di Pordenone, Rifondazione Comunista – Federazione di Pordenone e Giovani Comunisti, Collettivo Comunista “Bertolt Brecht” – Veneto Orientale, Collettivo studentesco “Spartako”.

“Gli orsi della Val Mesath”

INCONTRI CON L’AUTORE:

Presentazione del libro di Adriano Roncali “Gli orsi della Val Mesath”

Storie di montagna vera, storie di roccia vissuta, storie di sapori antichi, storie di animali e uomini selvatici

SABATO 20 DICEMBRE ALLE ORE 17:00

Presso i locali del Circolo ARCI “Tina Merlin” in via Ciotti 11 a Montereale Valcellina (PN)

 

Un’economia alternativa è possibile…

Dio non si taglia

di Roberta Carlini
La scure della Gelmini risparmia gli insegnanti di religione. Che sono 25 mila. E costano 800 milioni l’anno
Il presidente della Cei Angelo Bagnasco
Zona protetta, qui non si taglia. E neanche si riordina. I 25.694 insegnanti di religione nella scuola pubblica italiana sono al riparo dallo tsunami di tagli e proteste che l’ha investita. Anzi, sono destinati ad assumere un peso crescente, essendo le loro ore intoccabili nella generale riduzione dell’orario delle lezioni in classe. Lo dice anche la Gelmini: macché maestro unico, c’è anche l’insegnante di religione. Che alle elementari e alle materne fa due ore a settimana per classe. Solo che adesso sono due su 30 (o 40, se c’è il tempo pieno), dall’anno prossimo saranno 2 su 24: l’8,3 per cento dell’orario curricolare.

Quadro orario a parte, a fare i conti in tasca alla spesa della scuola pubblica per gli insegnanti di religione si trova qualche sorpresa. A partire dal numero complessivo: in aumento costante, per le massicce immissioni in ruolo fatte negli ultimi anni. Tra il 2004 e il 2007 sono stati assunti oltre 15mila tra maestri e professori di religione. Adesso superano i 25mila, e cifra più cifra meno costano 800 milioni all’anno. Ottocento milioni pagati da tutti, incomprimibili e insindacabili. E non solo perché oggetto di un accordo sottoscritto con uno Stato estero: non è che nei patti col Vaticano siano stati scritti anche i dettagli organizzativi e burocratici, e spesso sono questi a fare la differenza. Un esempio: mentre da tutte le parti ci si affanna per razionalizzare, accorpare, risparmiare, l’insegnante di religione è attribuito rigidamente per classe. Questo vuol dire che c’è sempre, anche se solo uno studente di quella classe opta per l’insegnamento della religione. Ma anche senza arrivare al caso estremo, facciamo un’ipotesi vicina alla realtà di molti quartieri delle grandi città: se ci sono due classi con dieci studenti ciascuna che scelgono la religione, queste non si possono accorpare per quell’ora. Un meccanismo che moltiplica le ore e le cattedre. Diventa interessante, a questo punto, sapere quanti studenti scelgono l’ora di religione, per capire perché il numero degli insegnanti è cresciuto e se potrebbero essere utilizzati meglio: senonché la Pubblica istruzione questa informazione non la fornisce. È un dato che gli uffici statistici del ministero hanno, ma non è a disposizione del pubblico.
Allora bisogna andare alla fonte direttamente interessata, la Cei, per sapere qualcosa. E la Cei ci dice che nella media italiana il 91,2 per cento degli studenti si avvale dell’ora di religione: si va dal 94,6 delle elementari all’84,6 delle superiori. Sembrano tantissimi. E però sono in calo dal 2000 (allora erano sul 94 per cento). Il che segnala un primo paradosso: mentre diminuiva il numero degli studenti ‘avvalentisi’, aumentava quello dei maestri e prof di religione. I quali sono per la maggioranza donne, quasi sempre non ecclesiastici, mediamente un po’ più giovani degli altri insegnanti. Quello che la Cei non dice (e il ministero si guarda bene dal far sapere) è come sono distribuiti: si sa che nelle scuole delle grandi città e nei quartieri con maggiore presenza di stranieri le percentuali scendono molto, ma nel dettaglio non si può andare. Anche perché, qualunque numero venga fuori, vale la rassicurazione del ministro Gelmini: “Gli insegnanti di religione non si toccano”. Può toccarli solo la stessa Curia che ha dato loro l’idoneità all’insegnamento, revocandogliela, anche per motivi morali o personali, come una convivenza fuori dal matrimonio o cose simili. In quel caso, si è stabilito qualche anno fa, l’insegnante di religione immesso in ruolo non perde il posto, ma può far valere i suoi titoli per insegnare altre materie: scavalcando altri precari con meno santi in paradiso.
(26 novembre 2008)

L’Authority anti-fannulloni? Costo previsto quattro milioni…

“Il trucchetto c’è ma finora nessuno, a parte chi l’ha escogitato, se n’è accorto. Anche dietro la norma ‘anti-fannulloni’ del ministro Renato Brunetta, spuntano immancabili le ‘solite’ consulenze. Strapagate a carico della collettività, s’intende. Basta leggere il disegno di legge (numero 847), che il ministro Brunetta ha riassunto in quattro parole d’ordine: più trasparenza, standard, premi e punizioni per chi non fa il proprio lavoro”. E’ quanto denuncia un articolo apparso oggi su ‘il Riformista’ dal titolo: “L’Authority anti-fannulloni ci costa già quattro milioni”.
“A leggere il testo arrivato in commissione (articolo 3, punto d) - scrive ‘il Riformista’ - il ddl prevedeva ‘l’istituzione presso il Dipartimento di funzione pubblica, eventualmente in raccordo con altri enti o soggetti pubblici, di un organismo centrale (…) con il compito di validare i sistemi di valutazione adottati dalle singoli amministrazioni centrali, indirizzare, coordinare e sovraintendere all’esercizio delle funzioni di valutazione, nonché di informare annualmente il ministro per l’Attuazione del programma sull’attività svolta”.
“La centrale di controllo anti-fannulloni - precisa il quotidiano diretto da Antonio Polito - era praticamente a costo zero. Tanto che - si leggeva poche righe più sotto - “i componenti del predetto organismo, scelti tra persone di elevata professionalità, anche estranee all’amministrazione, prestano la loro collaborazione a titolo gratuito”. Fin qui una pagina di bella politica: una norma anti-fannulloni che si fonda su un organismo di controllo che non costa nulla”.
“Il problema - rivela ‘il Riformista’ - è che, nell’accordo trovato in commissione Affari costituzionali del Senato, il punto d dell’articolo 3 è stato inghiottito dal nulla. E la famosa “collaborazione” a titolo gratuito dei componenti dell’organismo antifannulloni è svanita. Il testo licenziato dalla commissione prevede “nell’ambito del riordino dell’Aran (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni), l’istituzione (…) di un organismo centrale che opera in collaborazione con il Ministero del’Economia e il Dipartimento della funzione pubblica con il compito di indirizzare, coordinare e sovraintendere all’esercizio indipendente dalle funzioni di valutazione, di garantire la trasparenza dei sistemi (…), di assicurare la comparabilità e la visibilità degli indici di andamento gestionale”.
“Le mansioni dell’organismo - spiega il quotidiano - sono praticamente le stesse del ddl originale. L’unica differenza con il testo approvato dalla commissione è che la centrale anti-fannulloni non è più gratis. I componenti, “di numero non superiore a cinque”, sono pagati. Eccome. (…) Il costo complessivo dell’operazione può arrivare a quattro milioni di euro. Otto miliardi del vecchio conio”.
“Ce n’è per tutti - denuncia il giornale - Un milioni e mezzo di euro (onere massimo previsto) “per compensi, comprensivi degli oneri riflessi, spettanti ai componenti dell’Agenzia, da fissare con decreto del Ministero per la pubblica amministrazione di concerto col Ministero dell’economia. Mezzo milione “per l’affidamento di consulenze e incarichi di collaborazione”. Settecentomila euro “per la stipula di convenzioni con enti e università”. Altri cinquecentomila “per il funzionamento e spese connesse alla segreteria tecnica”. E ancora: quattrocentomila euro “per l’acquisto e la manutenzione di beni strumentali e per gli oneri di funzionamento della struttura” e un altro assegno da quattrocentomila “per le spese concernenti all’affitto della sede ed eventuali oneri connessi”. Totale: quattro milioni”.
 quinews

Aneddoti dal Governo: camerati, raccomandati, tagli alle scuole e fannulloni

“non per Carlo, ma in nome di Carlo”

sabato 6 novembre ore 18:00 Sala "Roveredo" Palazzo Toffoli Montereale Valcellina

Sabato 8 novembre, ore 18:00 presso la Sala “Roveredo” di Palazzo Toffoli 

Montereale Valcellina (PN)

inaugurazione della mostra “non per Carlo, ma in nome di Carlo” di Ottavio Sgubin

con la partecipazione straordinaria di Giuliano Giuliani

seguirà una pastasciuttata di solidarietà a sostegno del quotidiano “Il manifesto”

Attenti agli stregoni!

Attenti agli stregoni, titolava oggi un pezzo su “il Giornale”. Credo sia una delle poche volte che mi trovo d’accordo. Solo che forse abbiamo un’opinione diversa degli stregoni.
Scrive Vittorio Macioce che “quando gli apprendisti stregoni prendono in mano la scopa, e il megafono, si sa dove si parte, ma non dove si arriva” e giù via sulla solita linea dell’opposizione che cavalca la piazza e trasforma in odio antidemocratico e della voglia di “abbattere i governi in nome di un’etica superiore”.
Io invece pensavo agli stregoni che riescono a far sparire la gente dalle strade, il dissenso e le opinioni. Pensavo più a dei grandi chef capaci di cucinare con pochi ingredienti miracolose pozioni magiche in grado di far svanire dalle piazze tutti quei rifiuti umani che stanno sempre a protestare per qualcosa.
Il giornalaio del Giornale cita una teoria sociologica, quella dello stato nascente, forse per dar credito a quello che dice, ma la cita forse senza conoscerla e forse solo perché l’autore, Alberoni, compare spesso su giornali e televisioni.  Lo stato nascente descrive infatti il percorso di un movimento che si istituzionalizza, che, cioè riesce con l’appoggio e la protezione di ampi settori della società nell’intento di produrre il cambiamento desiderato e renderlo quotidianità. Poco a che fare con un movimento che invece una volta isolato potrebbe imboccare la strada della violenza fine a se stessa. Per questo sarebbe più adatta la teoria dell’etichettamento, delle sottoculture e del panico morale.
Per esempio.
Si riempie di polizia in tenuta antisommossa una città. Polizia che lascia passare tranquillamente camion pieno di spranghe, mazze da baseball e tirapugni. Polizia che consiglia a dei ragazzini impauriti, che chiedono protezione di fronte ad una imminente aggressione, di schierarsi su due fronti contrapposti. Polizia che prende tranquillamente ordini in pubblico da alcuni pseudo facinorosi (vedi il video). Polizia che dunque tiene la sua lezione in piazza su come si organizza una rissa e poi osserva l’esercitazione pratica senza intervenire finché non suona la campanella.
Gli stregoni a volte sono anche un po’ burattinai. E quel pinocchio in mezzo alla piazza non poteva essere più eloquente. Di burattini ce n’erano diversi. I burattini da combattimento erano li, i burattini da salotto erano nelle redazioni dei giornali ad aspettare di scrivere delle gesta dei primi.
Una volta innescato il meccanismo, se l’apprendista stregone sceglie le dosi giuste, poi va tutto da se. Non importa neppure picchiare le maestre ragazzine come con un pizzico di nostalgia ha ricordato Cossiga.
Mandare in onda gli scontri e descriverli come una battaglia tra opposti estremismi avrà tre effetti principali che si autoalimenteranno. Allo stesso tempo tutti quelli che hanno voglia di menare le mani (o le spranghe) troveranno un invitante campo di battaglia e si arruoleranno a frotte nei pseudo fronti opposti, mentre coloro che avevano un interesse reale a manifestare, protestare, avanzare proposte, partecipare democraticamente ad un dibattito ne saranno allontanati e infine il movimento stesso, le persone che ne fanno parte e le idee di cui erano portatori verranno isolate e stigmatizzate. Un circolo vizioso che tenderà a far prevalere le componenti violente all’interno del movimento e a trasformarlo in un problema di ordine pubblico, che se saremo fortunati sarà limitato a qualche scazzottata tra rossi e neri.
E’ tutto già scritto, nei libri di storia e in quelli di sociologia.
Nel frattempo nessuno parlerà più né della Gelmini né della erogazione di fondi alle scuole private promessa ieri da Berlusconi, proprio il giorno in cui venivano approvati i tagli all’istruzione pubblica.

Tra le maestre imitate ovunque

Berlusconi ha fatto male i conti”
di CURZIO MALTESE

BOLOGNA - A New York sono sorte negli ultimi dieci anni scuole materne ed elementari che copiano quelle emiliane perfino negli arredi. Via i banchi, le classi prendono l’aria delle fattorie reggiane che ispirarono Loris Malaguzzi, con i bambini impegnati a impastare dolci sui tavolacci di legno, le foglie appese alle finestre per imparare a conoscere i nomi delle piante.
Si chiama “Reggio approach”, un metodo studiato in tutto il mondo, dall’Emilia al West, con associazioni dal Canada all’Australia alla Svezia.

Se la scuola elementare italiana è, dati Ocse, la prima d’Europa, l’emiliana è la prima del mondo, celebrata in centinaia di grandi reportage, non soltanto la famosa copertina di Newsweek del ‘91 o quello del New York Times un anno fa, e poi documentari, saggi, tesi di laurea, premi internazionali. Non stupisce che proprio dalle aule del “modello emiliano”, quelle doc fra Reggio e Bologna, sia nata la rivolta della scuola italiana. La storia dell’Emilia rossa c’entra poco.

A Bologna di rosso sono rimaste le mura, tira forte vento di destra e sul voto di primavera incombono i litigi a sinistra e l’ombra del ritorno di Guazzaloca. “C’entra un calcolo sbagliato della destra, che poi fu lo stesso errore dell’articolo 18”, mi spiega Sergio Cofferati, ancora per poco sindaco. “Il non capire che quando la gente conosce una materia, perché la vive sulla propria pelle tutti i giorni, allora non bastano le televisioni, le favole, gli slogan, il rovesciamento della realtà. Le madri, i padri, sanno come lavorano le maestre. E se gli racconti che sono lazzarone, mangiapane a tradimento, si sentono presi in giro e finisce che s’incazzano”.
Che maestre e maestri emiliani siano in gamba non lo testimonia soltanto un malloppo alto così di classifiche d’eccellenza, o la decennale ripresa della natalità a Bologna, unica fra le grandi città italiane e nonostante le mamme bolognesi siano le più occupate d’Italia. Ma anche il modo straordinario in cui sono riusciti in poche settimane a organizzare un movimento di protesta di massa.

Stasera in Piazza Maggiore, alla fiaccolata per bloccare l’approvazione dei decreti sulla scuola, sono attese decine di migliaia di persone. “È il frutto di un lavoro preparato con centinaia di assemblee e cominciato già a metà settembre, da soli, senza l’appoggio di partiti o sindacati che non si erano neppure accorti della gravità del decreto”, dice Giovanni Cocchi, maestro.

Il 15 ottobre Bologna e provincia si sono illuminate per la notte bianca di protesta che ha coinvolto 15 mila persone, dai 37 genitori della frazione montana di Tolè, ai tremila di Casalecchio, ai quindicimila per le strade di Bologna. Genitori, insegnanti, bambini hanno invaso la notte bolognese, ormai desertificata dalle paure, con bande musicali, artisti di strada, clown, maghi, fiaccole, biscotti fatti a scuola e lenzuoli da fantasmini, il logo inventato dai bimbi per l’occasione. Ci sarebbe voluto un grande regista dell’infanzia, un Truffaut, un Cantet o Nicholas Philibert, per raccontarne la meraviglia e l’emozione. C’erano invece i giornalisti gendarmi di Rai e Mediaset, a gufare per l’incidente che non è arrivato.

Perché stavolta la caccia al capro espiatorio non ha funzionato? Me lo spiega la giovane madre di tre bambini, Valeria de Vincenzi: “Non hanno calcolato che quando un provvedimento tocca i tuoi figli, uno i decreti li legge con attenzione. Io ormai lo so a memoria. C’è scritto maestro “unico” e non “prevalente”. C’è scritto “24 ore”, che significa fine del tempo pieno. Non c’è nulla invece a proposito di grembiulini e bullismo”.

Il fatto sarà anche che le famiglie vogliono bene ai maestri, li stimano. Fossero stati altri dipendenti statali, non si sarebbe mosso quasi nessuno. Marzia Mascagni, un’altra maestra dei comitati: “La scuola elementare è migliore della società che c’è intorno e le famiglie lo sanno. Con o senza grembiule, i bambini si sentono uguali, senza differenze di colore, nazionalità, ceto sociale. La scuola elementare è oggi uno dei luoghi dove si mantengono vivi valori di tolleranza che altrove sono minacciati di estinzione, travolti dalla paura del diverso”.

Come darle torto? Ci volevano i maestri elementari per far vergognare gli italiani davanti all’ennesimo provvedimento razzista, l’apartheid delle classi differenziate per i figli d’immigrati. Rifiutato da tutti, nei sondaggi, anche da chi era sfavorevole alla schedatura dei bimbi rom. “Certo che il problema esiste”, mi dicono alla scuola “Mario Longhena”, un vanto cittadino, dove è nato il tempo pieno “ma bastava non tagliare i maestri aggiuntivi d’italiano”.

E se domani il decreto passa comunque, nel nome del decisionismo a tutti i costi? “Noi andiamo avanti lo stesso”, risponde il maestro Mirko Pieralisi. “Andiamo avanti perché indietro non si può. Non vogliono le famiglie, più ancora di noi maestri. Ma a chi la vogliono raccontare che le elementari di una volta erano migliori? Era la scuola criticata da Don Milani, quella che perdeva per strada il quaranta per cento dei bambini, quella dell’Italia analfabeta, recuperata in tv dal “Non è mai troppo tardi” del maestro Manzi”.

Ve lo ricordate il maestro Alberto Manzi? Un grande maestro, una grande persona. Negli anni Sessanta fu calcolato che un milione e mezzo d’italiani sia riuscito a prendere la licenza elementare grazie al suo programma. Poi tornò a fare il maestro, allora con la tv non si facevano i soldi. Nell’81 fu sospeso dal ministero per essersi rifiutato di ritornare al voto. Aveva sostituito i voti con un timbro: “Fa quel che può, quel che non può non fa”. È morto dieci anni fa. Altrimenti, sarebbe stasera a Piazza Maggiore.

(28 ottobre 2008)

Pagina 13 di 14« Prima...1011121314