search
top

Finalmente Obama!


Finalmente.
 
Finalmente l’era Bush è finita, sconfitta senza appello e a furor di popolo. Il popolo degli Stati Uniti dice oggi al mondo che c’è un’altra via per affrontare i problemi e le sfide di questi tempi, che non è obbligatorio reagire alla crisi e all’insicurezza con la guerra e il militarismo, l’oscurantismo religioso e il razzismo, la distruzione dei diritti sociali e delle libertà civili.
 
Barack Obama è riuscito a intercettare un bisogno di cambiamento innanzitutto morale e ideale, incardinata perfino fisicamente dal nuovo presidente degli Stati Uniti, il primo presidente nero, figlio di un immigrato africano. 
 
Le lacrime di Jassie Jackson stanotte la dicono lunga sul gigantesco valore simbolico di questa elezione per un paese che quaranta anni fa vide l’assassinio di Martin Luther King, per un pianeta ancora fondato sul neocolonialismo, per una Europa dove avanzano ovunque le forze razziste e neo-naziste.
 
Negli Stati Uniti è avvenuta una riconnessione fra politica e società civile che è un sogno in molti altri paesi occidentali. Obama non ha vinto perché tanta gente lo ha votato, con una partecipazione al voto straordinaria. Tanta gente lo ha votato perché milioni di persone hanno deciso di partecipare attivamente e da mesi alla campagna elettorale, di scommettere per la prima volta da decenni sulla partecipazione politica.
 
Non sappiamo quanto questa relazione virtuosa durerà. La storia ci insegna che sarà difficile. Dopo la vittoria, Obama ha detto che il cambiamento non è quello che è avvenuto stanotte, ma il percorso che da stanotte comincerà e per il quale lui si considera al servizio. Sono parole importanti, in una epoca dove il personalismo, il leaderismo e il populismo sembrano farla da padroni, nelle elite politiche.
 
Lo ha detto lui stesso, stanotte, ai suoi elettori: verrà il tempo per le critiche e le contestazioni. Ma c’è un tempo per ogni cosa. E oggi per noi è il tempo per festeggiare e per sperare, insieme ai movimenti degli Stati Uniti con cui da anni lavoriamo per costruire un mondo diverso. Vogliamo oggi sperare che dal continente americano, ora che anche l’emisfero nord ha prodotto il cambiamento in campo da tempo in America Latina, possa venire una svolta decisiva in un momento drammatico per la vita del pianeta.
 
La crisi finanziaria, ecologica, sociale, alimentare, dei prezzi e del lavoro ormai dilagano nel nord e nel sud del mondo. All’esclusione degli ultimi si aggiunge il progressivo e inesorabile impoverimento delle classi medie e produttive. Negli Stati Uniti, Obama ha vinto perché le vittime del capitalismo selvaggio hanno deciso di smetterla con la guerra fra poveri che per decenni ha contrapposto bianchi e neri, yankee e latinos, garantiti e precari. E’ la lezione più importante, che la società italiana può apprendere dal voto di stanotte.

Paolo Beni, Presidente Nazionale dell’ARCI

1 Commento to “Finalmente Obama!”

  1. CadaA scrive:

    Riporto un mio commento sull’argomento che ho fatto sul sito maniago.info (http://maniago.info/viewtopic.php?f=6&t=277)…

    Sull’elezione americana, io andrei cauto…
    Il fatto storico che Obama sia il primo presidente “nero” è un segno di civiltà in un paese dove il colore della pelle è stato simbolo di divisione e ingiustizia, ma non so di quanto gli Usa cambierà la sua linea politica estera (che sta a noi più cara), resta il fatto che che la lotta alla discriminazione e l’emarginazione razziale abbia avuto un suo risultato.
    Bisogna anche ricordare che la vittoria di Obama e dei democratici ha portato alla sconfitta della amministrazione Bush (repubblicani) e la sua ideologia neoliberista e guerrafondaia, ma ricordiamoci anche che su Barack Obama si è costruito un personaggio per raccogliere gli elettori che volevano un cambiamento ovvero delle masse popolari, spendendo più di 600 milioni di dollari in campagna elettorale, ma i suoi programmi non sono tutto questo cambiamento. Speriamo che mi sbagli e che
    Comunque, andiamo cauti.”

    Saluti!

Manda una risposta