search
top

4 novembre: lutto nazionale

90 anni fa a Villa Giusti l’Austria si arrendeva all’Italia. Era la vittoria! La prima guerra mondiale per l’Italia era finita!

Una guerra non voluta dai lavoratori e imposta con la forza dallo stato italiano.

Chi si ricorda in questi giorni che nel 1915 a Milano, Roma, Torino e altre località ci furono manifestazioni di massa contro la guerra? Che a Torino 100mila operai in sciopero si scontrarono con la polizia e le truppe in una lotta durata due giorni?

Era chiaro che i lavoratori non volevano essere carne da cannone, non intendevano pagare i costi di una guerra imposta dalla borghesia, dagli industriali, dalle alte gerarchie dell’esercito.

Eppure chi dirà in questi giorni che durante la guerra ci furono un milione di processi per diserzione, efferate decimazioni nei battaglioni, 4mila arresti per manifestazioni contro la guerra?
Che a Torino nel 1917 il popolo insorse ancora per 7 giorni contro l’aumento dei prezzi e per il pane e per la pace?

In questi giorni si festeggia ipocritamente la ‘vittoria’: una vittoria pagata con 680.000 morti, due milioni tra feriti, mutilati e prigionieri, tutti lavoratori mandati al macello contro altri lavoratori di altri paesi; alla fine il totale sarà di 15 milioni di lavoratori uccisi. Proletari a cui avevano detto di combattere per le loro patrie: e così furono ingannati. Il vero nemico marciava invece alla loro testa, pianificava il massacro alle loro spalle nei quartieri generali delle retrovie.

In questi giorni lo stato italiano festeggia quella tragedia con discorsi, commemorazioni, parate militari, visite ai cimiteri di guerra, elogi al valore dei soldati italiani morti per la patria., lezioni specifiche nelle scuole, esposizione per decreto del ministro La Russa della bandiera italiana che poi negli uffici pubblici è sempre esposta! Paragona il 4 novembre, al 25 aprile e al 2 giugno!

Le parole commosse e l’esaltazione dell’eroismo da parte di uomini di governo e militari non ci devono ingannare: la patria ed il nazionalismo sono invenzioni per mettere i lavoratori di tutto il mondo gli uni contro gli altri, per poter disporre di un esercito che controlli il territorio, che difenda gli interessi economici dell’imperialismo ovunque oggi la guerra impone la distruzione, in Iraq come in Afghanistan, nel Caucaso come nel Tibet, in Africa come in Libano e Palestina, producendo milioni di profughi, miseria e macerie, disoccupazione ed emigrazione.

90 anni dopo, il 4 novembre sia giornata per il ripudio della guerra, per la diffusione dell’antimilitarismo e della non violenza tra i popoli, per il cessate il fuoco e la smilitarizzazione di tutte le zone di guerra, per il ritiro dell’esercito italiano e di tutti gli eserciti dalle finte operazioni di pace.

4 Novembre 2008, bandiere a mezz’asta, piangiamo i martiri della barbarie del capitalismo, del nazionalismo e del militarismo. Pace e solidarietà tra i lavoratori di tutto il mondo, lotta internazionale allo sfruttamento ed alla povertà.

Andrea

Manda una risposta